Renato Bertelli

n. 1900 Lastra a Signa (FI) - m. 1974 Firenze (FI)
Il padre è artigiano della Manifattura delle Terracotte artistiche di Lastra a Signa. Bertelli studia all’Accademia di Belle Arti di Firenze dove segue i corsi di Domenico Trentacoste, il cui assistente era Libero Andreotti e stringe amicizia con Marino Marini.
Nel 1922 con “Piccola Danzatrice” vince un premio alla Fiorentina primaverile. Nel 1928 partecipa alla Biennale di Venezia con “Bambino con coniglio”. Successivamente l’architetto Coppedè nel 1931 gli commissiona i bassorilievi per le colonne del nuovo palazzo dei Sindacati fascisti a Ponte a Signa. Molto celebre e completamente fuori dal suo stile è il ritratto di Mussolini, una sorta di profilo continuo, riprodotto in decine di versioni lignee, bronzee e in ceramiche; ne troviamo esemplari alla galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti a Firenze e al Museo della Guerra di Londra.

Opere in archivio